54. Pic of a pic, pt. 2

Emanuele Secco, Pic of a pic 3.0, 2015
Pic of a pic 3.0, Emanuele Secco, 2015

 

Chi ha mai detto che in un Pic of a pic non si possa ritrarre sé stessi?
Non esiste alcuna regola secondo la quale il fotografo non possa essere parte visibile della foto che sta scattando. Egli è sempre il protagonista, a prescindere dal soggetto. Quanto ammiriamo è la sua visione, il suo punto di vista, la sua inquadratura, il suo modo di interpretare i terzi. Senza dimenticarsi della sua post produzione.
Ogni tanto fa bene ricordarsi anche di lui.
Le foto, di certo, non crescono sugli alberi. Come l’arte, tutta.

 

«Mirror, mirror on the wall
Shouldn’t not grave pleasures be my all?
For if I shall see thy Will be done
Grant Me the Witchcraft of thy tongue»

(Cradle of Filth, The Twisted Nails of Faith)

 

(Cliccando qui approderete alla foto che ha ispirato questo mio pensiero. Lui, Mirko, sì che è un fotografo)

E.

Annunci

2 pensieri su “54. Pic of a pic, pt. 2

Il tuo Punctum

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...